lunedì 24 marzo 2014

Mandorle pralinate

Mandorlo in fiore


Il tempo è ancora incerto, ma la primavera si sente con tutti i suoi profumi. I prati sono più fantasiosi, vivacemente colorati. Qui e là macchie azzurre, gialle, bianche dicono "è arrivata la primavera". In un angolo uno splendido mandorlo si riveste di candidi fiori; è rigoglioso e fiero del suo nuovo manto, che in estate si trasformerà in appetitosi frutti: le mandorle.

Mandorle

La  produzione italiana è principalmente concentrata in Sicilia e in Puglia; ecco che proprio qui,  nella zona dove vivo, ci sono stupendi campi coltivati  a mandorli. È uno spettacolo incredibile vederli tutti in fiore; sì, perché il mandorlo prima fiorisce e poi fa spuntare le foglie, sottili e chiare. 


Fiori di mandorlo

domenica 9 marzo 2014

Prezzemolo



Foglia di prezzemolo

Il prezzemolo  è un’erba molto importante in cucina, la ritroviamo in tantissimi piatti. Molti di noi hanno una piantina di prezzemolo sul balcone, ma capita che ci si debba rivolgere alla vicina perché ne siamo rimasti senza.
Anche se il mio fruttivendolo non manca mai di darmi il mazzolino aromatico giornaliero, cerco sempre dì garantirmi una scorta in congelatore: mi spiace dover buttare il prezzemolo quando ne ho in avanzo e così evito di rimanere senza e dover usare delle foglioline tendenti al giallino.


Prezzemolo pulito, lavato e messo ad asciugare

lunedì 3 marzo 2014

Coriandoli dolci




Coriandoli

Carnevale, c'è qualcosa che è ovunque; sono i  coriandoli; grandi, piccoli, tondi a mezza luna, con tante punte tanto da somigliare a piccoli fiori stilizzati, bianchi, viola, gialli, rossi. I coriandoli sono tutti uguali visti insieme, ma a ben osservarli sono tutti diversi. Petali di carta che prima di posarsi a terra volano nell'aria la riempiono con la loro presenza e donano allegria. Il carnevale senza coriandoli sarebbe ben poco. Ogni anno ci sono delle novità che tentano di soppiantarli, ma loro, anno dopo anno, sono sempre li sulle bancarelle pronti a finire nella mani di un bambino che felice li lancerà a chi gli è vicino. Se sono così amati è anche probabile che la loro invenzione si perda nelle pieghe degli anni. Pare proprio di si!
Per carnevale, durante il periodo rinascimentale, si usava lanciare sui carri, sulle carrozze e sulle maschere beni di uso quotidiano come arance, semi di granoturco, gusci delle uova riempiti di essenze profumate, nocciole, semi vari e monete.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...