mercoledì 28 settembre 2016

Arrosto morto


È davvero divertente giocare con i qui-pro-quo che le parole e i modi di dire possono creare.
Proprio oggi mi sono divertita davvero tanto. Ho proposto per pranzo un "arrosto morto". La faccia dei miei familiari ha assunto una strana espressione, tipica di chi sta pensando, visualizzando nella mente qualcosa che al ragionamento razionale pare impossibile in quella situazione. Per rimediare e chiarire ho aggiunto"in pentola", la situazione non è migliorata, anzi. Alla fine sento" bella morte, anzi buona". Visto come si andava avanti decido di spiegare e rendermi importante. "Dicesi arrosto morto, quell'arrosto cotto in casseruola al posto di cuocere in forno. L'arrosto assume un colore brunito tanto da ricordare", e aggiungo "vagamente, un colore a lutto ma, tutto finisce li... morto = cotto in pentola".
Risata generale. Arrosto morto accettato. Arrosto preparato e gustato con contorno  di patate arrosto, e per non discriminare nessuno, anche per loro una buona morte in pentola e non al forno.

Arrosto, maiale
Arrosto morto con contorno di patate e finocchi gratinati



Arrosto morto di maiale al profumo di rosmarino e limone. (4p.)
800 gr. Arista di maiale
1 spicchio di aglio vestito
1 rametto di rosmarino (io ho preferito usarlo tritato)
50 gr. di vino bianco secco
1 pezzetto di buccia di limone
Brodo o acqua calda
20 gr. burro
10 gr. olio di oliva

800 gr. patate
rosmarino
olio e burro
sale

Arrosto, maiale
In una casseruola che contenga di misura la carne, metto il burro e l'olio. Lo faccio riscaldare con l'aglio ed il rosmarino. Aggiungo la carne. Se occorre, legarla in modo da non farle perdere la forma.
Arrosto, maiale


La faccio rosolare da tutti i lati. Quando è ben rosolata aggiungo il vino bianco per creare la giusta acidità che contrasti con il dolciastro della carne. Lo lascio evaporare. 



Ora  bagno con due mestolini di brodo caldo o in mancanza di acqua calda. Copro con un coperchio e lascio cuocere a fuoco dolce.
Bagno con brodo ogni volta che l'intingolo diminuisce. La carne non deve mai cuocere a secco, rischia di bruciare e diventare nera.

Arrosto, maiale

Durante la cottura giro spesso la carne così che possa cuocere da tutti i lati. Salo poco a metà cottura.
Faccio cuocere per circa circa 2 ore. A Cottura tolgo dal fuoco, sposto il pezzo di arrosto in un piatto riscaldato, lo copro con con un foglio di alluminio e lo lascio riposare per una decina di minuti, facendo così la carne resta succosa.
 Preparo la salsa. Nel fondo di cottura verso un mestolo di brodo. Metto sul fuoco e con un cucchiaio di legno raccolgo e faccio sciogliere tutto il sugo rappreso nella pentola. In un paio di cucchiai di acqua fredda sciolgo un cucchiaino di maizena che aggiungo al brodo nella pentola. Sempre mescolando faccio addensare tanto da creare una salsa fluida .
Taglio la carne a fette e la sistemo su un piatto da portata. Irroro con poca salsa. Il resto della salsa la servo a tavola.
Pelo e taglio a tocchetti le patate. Le sbollento per 3 minuti in acqua salata. Le colo. 

Patate, arrosto

In una larga padella metto olio, burro  e rosmarino,  lascio sciogliere il burro e aggiungo le patate. Le porto a cottura, salo. 
Patate, arrosto

Sono pronte quando sono dorate e tenere.
Servo le fette con la salsa e le patate arrosto.

Alla prossima

Ciao

4 commenti:

  1. Un secondo piatto squisito, anche con la cottura in pentola la doratura sembra ottima.
    Complimenti e buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. Questo arrosto ci ha donato divertimento e gusto. Cosa può dare di più un piatto? Grazie un abbraccio. Ciao e buona serata.

      Elimina
  2. Cara Stefania conosco l'arrosto morto in quanto mia madre lo preparava e in passato abbastanza spesso:)sia con il vitello (spalla mi pare),con il maiale (arista)che con il tacchino!Ottimo in tutte le versioni,io preferisco poi la cottura in padella a quella al forno per via del sughetto che secondo me è tassativo!!Buonissima la tua ricetta,spiegata benissimo e sicuramente di ottima,eccezionale resa:)mi piace anche l'abbinamento con le patate!La proverò sicuramente,grazie infinite per la condivisione:))
    Un bacione e buon fine settimana:))
    Rosy

    RispondiElimina
  3. Ottimo davvero questo arrosto. Anche mia cognata preferisce la cottura in tegame anziché al forno e visti i risultati direi che entrambe hanno i loro pregi.
    Un abbraccio e buona domenica.

    RispondiElimina

Feel free to leave a comment!
I would be glad to know your opinion! ;)
Thank you! :)

Grazie per aver visitato il mio blog.
Mi piacerebbe avere una vostra opinione.
Stefania

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...