mercoledì 29 marzo 2017

Scarcelle pasquali

Chiacchierando con un'amica di dolci pasquali mi sono accorta, e se dico con stupore credetemi, di non aver mai inserito nel mio blog, il mio quadernino delle ricette e dei ricordi,  il dolce che da sempre rappresenta, insieme all'uovo, la Pasqua e sopratutto la Pasquetta e le gite fuori porta.
La scarcella è un dolce di pasta frolla all'olio, poi col passare del tempo l'olio in alcune versioni ha ceduto il passo al burro. La pasta con il burro è leggermente più morbida e meno croccante. Se si vuole sostituire l'olio al burro ricordarsi di diminuirlo di circa  20 gr su ogni 100 gr. di burro . Ricordiamoci che l'olio è grasso al 99.9% mentre il burro contiene grasso all'83% e altre sostanze compresa acqua.

Da bambina la scarcella aveva la forma di un panierino intrecciato con un bell'uovo colorato al centro fermato da due cordoncini di pasta, poi con il passare degli anni ai miei bambini ho voluto offrire un grazioso animaletto: un coniglietto dalle lunghe orecchie per il maschietto 










e una colomba per la femminuccia, ognuno con il suo bell'uovo sodo colorato fermato da due stringhe di pasta e  tanti confettini colorati.

È un dolce tradizionale a cui nessun pugliese si esime dal preparare e, se per qualche motivo si fosse impossibilitati a prepararlo, nel periodo pasquale tutti i forni della zona preparano le scarcelle per la gioia dei bambini piccoli e grandi.
Per Pasquetta a Statte si svolge la sagra della scarcella e dei dolci pasquali, un trionfo di dolcezza e di curiosità, alla riscoperta delle tradizioni popolari. Al fine di conservare e tramandare le ricette ed i sapori dei dolci tipici pasquali partecipano all'evento i forni della città, i bambini delle scuole; le mamme, le nonne e le zie sono chiamate a dare la loro collaborazione per rendere speciale questa giornata.
Ed ora la mia scarcella. La ricetta che uso contiene il burro.


Scarcella
1 Kg farina 00
400 gr. zucchero semolato
4 uova grosse
200 gr. burro
50 gr. latte
scorza di limone grattugiata
2 bustine di lievito per dolci
Qualche chicco di uvetta sultanina o chicchi di caffè
Qualche mandorla con la pellicina
Confettini colorati
Coloranti alimentari
6 uova sode

Il giorno prima preparo le uova. Rassodo le uova in acqua salata e acidulata, fredda e mantengo il bollore al minimo per 10 min. Le lascio raffreddare.





Sciolgo il colorante in poca acqua e dipingo le uova fredde. Lascio asciugare e ripasso ancora il colore. 





Le lascio asciugare bene.
Setaccio la farina con il lievito aggiungo il sale e formo una fontana, allargo bene tanto da permettermi di lavorare poi all'interno 

del cratere formato.

Al centro della fontana sistemo lo zucchero e il burro a tocchetti,  impasto solo questi due ingredienti, fino a formare un piccolo impasto di zucchero e burro


Aggiungo le uova e il latte, amalgamo le uova al panetto di burro e zucchero .


Incomincio a raccogliere la farina dall'esterno e la porto verso l’interno sopra l’impasto di uova incorporandolo con una spatola o con una forchetta fino a quando l’impasto diventa tale da poter essere lavorato con le mani.


Ora lavoro l’impasto delicatamente solo per il tempo necessario ad ottenere una bella palla .


Pongo in frigorifero per un paio d’ore o in congelatore per 5- 10 min non deve congelare ma solo far in modo che il burro si rapprenda.
Ora è pronta per lavorarla.


Divido l'impasto in panetti da 250 gr. Creo le forme di cartoncino e con la forma creo una figura di pasta. Se invece si vuole fare la colomba senza sagoma divido il panetto in due grossi filoni, uno più grande e uno più piccolo. Il più grande sarà il corpo e il più piccolo le ali.  
Sovrappongo incrociando i filoncini e li modello; la testa e per becco e ci metto una mandorla, per gli occhi un chicco di uva passa o un chicco di caffè

Modello ali e coda. Sistemo l'uovo sodo e lo blocco con due cordoncini di pasta.  Incido le ali e la coda e decoro con confettini colorati.

Fare tutto già su carta forno perchè sarà difficoltoso spostare la figura già formata.

Inforno a 180° per 30 min fino a quando saranno ben dorate. 

Alla prossima
Ciao

7 commenti:

  1. Bellissima ricetta, mi sembra diversa dalle solite!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il gradimento. Come tradizione vuole il grasso non è apportato dal burro ma dall'olio, forse è questo che te la fa sembrare diversa. Se lo scopri poi mi fai sapere così provuamo una nuova ricetta. Le novità sono sempre ben accette. Ciao giulia un bacione

      Elimina
  2. Mi piacciono tanto le ricette regionali e questa, adattissima al periodo, me la segno. Grazie.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La scarcella è uno dei dolci che preferisco e sono lieta che incontri il tuo favore. La cosa che mi faceva veramente piacere era l'armonia che si creava in casa mentre dipingevamo le uova, io e i miei figli; erano sempre uova particolari con un motivo dettato dall'estro dei bambini, ora è tutto più serio e più pacato, ogni cosa ha una sua età. Un forte abbraccio. Ciao

      Elimina
  3. Mi piace sempre leggere e scoprire dolci appartenenti alla tradizione di altre regioni:)).
    Il tuo post e' davvero interessantissimo e dettagliato,cosicché chi decide di cimentarsi ha tutte le indicazioni per realizzare al meglio questo dolce tipico pasquale!
    Anch'io vorrei provarci:mi piacciono tantissimo le forme che si possono conferire alle scarcelle dando spazio alla propria fantasia secondo i motivi pasquali preferiti,mi piace la ricetta della tua frolla che trovo perfetta e mi.piacciono le uova colorate,molto d'effetto;).
    Salvo la ricetta nel pc,grazie infinite per averla condivisa:)).
    Un bacione e i miei migliori complimenti,bravissima come sempre!:)).
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Rosy, sempre molto gentile. Ho scoperto che anche dalle tue parti ci sono prodotti simili e con figure davvero deliziose. La Pasqua ha in ogni regione davvero tante belle tradizioni. Un forte abbraccio Stefania

      Elimina
  4. Carissima che bella la tua scarcella e quanti ricordi dolcissimi evoca :) mi piace anche la forma!
    Un abbraccio....

    RispondiElimina

Feel free to leave a comment!
I would be glad to know your opinion! ;)
Thank you! :)

Grazie per aver visitato il mio blog.
Mi piacerebbe avere una vostra opinione.
Stefania

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...