lunedì 11 febbraio 2019

Torta con grano saraceno e farina di castagne ripiena di marmellata ai frutti rossi e melograno

Torta, grano saraceno, mandorle, castagne
Fetta di torta al grano saraceno e castagne

Il grano saraceno, anche se chiamato con nomi diversi a seconda con chi se ne parlava, è sempre stato molto presente nella mia alimentazione. Il “furmentun” che mischiato alla farina di grano turco da un sapore ed un odore tipico alla polenta taragna, la "fraina" con quei puntini neri che caratterizzano i pizzoccheri, tutti piatti che per tradizione mangiavo e mangio con piacere: quanti nomi per identificare un solo identico prodotto.  Non mi sono mai chiesta che tipo di seme era quello che dava una farina così particolare; solo in età adulta ho scoperto che oltre ad essere senza glutine, che si poteva fare la polenta, mi poteva gratificare in molte altre deliziose ricette. L’ho provata con le crespelle, con le orecchiette pugliesi, con le chiacchiere, con la polenta condita con formaggio e burro ed ora con una deliziosa torta.
Questa che preparo oggi è una torta che ho "rubacchiato" da un libricino di dolci dell’Alto Adige, a cui ho tolto il glutine e a cui ho sostituito il burro con olio di semi... l'ho giusto un pochino modificata 😊Una torta che in casa è stata definita “fluffosa”, cioè soffice, alta 7 cm., leggera, umida al punto giusto e con un sapore avvolgente dato dall'insieme di varie farine. Ricorda i tipici sapori d'oltralpe. 
Nelle mie varie prove l'ho abbinata con vari gusti di marmellata, la prima prova ha dato il nome alla torta, ma risulta ottima anche con marmellata di fragole e di mirtilli, quest'ultima la rende più dolce e delicata, comunque tutte buone 😋
Ecco i protagonisti in bella mostra e andiamo ad iniziare 👍


Mandorle
Grano saraceno



Castagne

Torta con grano saraceno e farina di castagne ripiena di marmellata ai  frutti rossi e melograno.

5 uova medie (165 gr.)
220 gr. Zucchero
100 gr. Farina di grano saraceno*
50 gr. Farina di castagne *
30 gr. Farina di mandorle*
40 gr. Farina di riso finissima*
10 gr. Farina di tapioca*
70 gr. Latte di mandorla*
50 ml olio di semi (di arachide)
1 pizzico  di sale
300 gr. Marmellata di frutti rossi e melograno o mirtilli
Zucchero a velo*

Gli ingredienti con il simbolo (*) sono alimenti a rischio per i celiaci e per essere consumati tranquillamente devono avere il simbolo della spiga barrata, oppure essere presenti nel prontuario dell'Associazione Italiana Celiachia, o riportare la scritta "senza glutine”

Scaldo il forno a 170°.

Uso una teglia con i bordi alti da 24 cm di diametro .

Teglia rivestita
Aggiungi didascalia

Fodero la base dello stampo con carta forno leggermente unta con olio di semi da entrambi i lati. Fodero di carta forno unta da entrambi i lati anche le pareti della teglia rialzandole di alcuni centimetri; l’impasto, anche se privo di lievito, si gonfia molto e se non si crea un buon rialzo si rischia di far debordare l’impasto in cottura.

Mischio tutte  le farine tra loro.

Uova e zucchero
Aggiungo il pizzico di sale allo zucchero.


Scaldo le uova e lo zucchero in un pentolino fino a 45°, 



Aggiungi didascalia





 travaso le uova e zucchero nella ciotola della planetaria e monto fino a che l’impasto non scrive.









Miscela di latte di mandorla e olio

Emulsiono, in un contenitore alto e stretto, con il frullatore ad immersione il latte di mandorla e l’olio di semi, fino a farli diventare una cremina piuttosto fluida.










Trattengo 2 cucchiai di mix di farine e il resto lo aggiungo gradatamente alle uova montate mescolo dal basso verso l’alto, come per fare un pan di spagna, cercando di non far smontare le uova; da come riesce questa operazione dipende la lievitazione del dolce.



Aggiungo i 2 cucchiai di farina rimasti al latte e olio e amalgamo fino ad ottenere una cremina non troppo densa, deve essere quasi della stessa consistenza dell’impasto di uova e farina. 








Aggiungo a cucchiaiate l’olio e latte di mandorla mischiando dolcemente sempre per non far smontare l’impasto.








Travaso il tutto nella teglia.

Inforno per 50 min. I primi 15 min lascio cuocere a 170° poi diminuisco a 150° per il resto del tempo.
Controllo la cottura con uno stecchino, se esce asciutto la torta è cotta.




Sformo, elimino la carta e lascio raffred-
dare.


Marmellata di frutti rossi e melograno















Taglio a metà. Sciolgo 1/3 della marmellata in un pentolino diluita con un paio di cucchiai di acqua. Divido in due la marmellata diluita e la stendo su entrambi i dischi, sul disco inferiore aggiungo la restante marmellata più solida e ricopro con il secondo disco. 





Spolvero con zucchero a velo.



Alla prossima
Ciao

2 commenti:

  1. Risposte
    1. È davvero molto buona; come ultima prova, proprio ieri, l'abbiamo guarita con la crema spalmabile al cioccolato, non credevo potesse combinarsi così bene al gusto di cioccolato. È un dolce ricco di sorprese 😊. Grazie per essere passata di qui. Ciao👋🏻

      Elimina

Feel free to leave a comment!
I would be glad to know your opinion! ;)
Thank you! :)

Grazie per aver visitato il mio blog.
Mi piacerebbe avere una vostra opinione.
Stefania

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...