domenica 21 luglio 2013

Orata al forno con patate

È risaputo che un sapore, un odore non lo dimentichi più; ciò significa non dimenticare un avvenimento ad essi associato; ed ad essere sincera devo assolutamente concordare con questa tesi. Per me cucinare questo piatto di  pesce è rivivere una giornata fantastica con due nostri amici. Ci hanno invitati a pranzo ed ad accoglierci c’era tutta la loro allegra ed accogliente famiglia, come dimenticare le allegre ore trascorse insieme.

A favore di questo piatto va anche la praticità di consumazione dello stesso. Che dire ci sono anche i pigroni che preferiscono non mangiare il pesce se lo devono anche spinare, qui non si corre il rischio, il lavoro lo fa tutto la cuoca che prepara o il “favoloso” pescivendolo che ti propone di pulire e sfilettare il pesce, e tu per non fare un torto a così gentile richiesta ti presti a privarti dell’ingrato compito di pulire e sfilettare il pesce.

Se si parla di pesce non può far a meno di immaginare un azzurro e invitante mare. Questa volta voglio proporvi  il mio mare, “mio” perché da anni ormai è la meta di ogni estate, dove poter affogare la calura e godere di ore rilassanti accarezzati dai raggi del sole e lambiti dalle onde, piccole piccole.

Spiaggia Marina di Ginosa






Orata al forno con patate


3 grosse orate ( +/-  400 gr. una)
6 patate medie crude
Olio di oliva extravergine
Prezzemolo
Capperi,
aglio, sale

Squamo e sfiletto i pesci ottenendo 6 bei filetti, non tolgo la pelle.Li lavo bene e li asciugo.
Sbuccio ed affetto le patate sottilmente con una mandolina dello spessore di circa 3 mm.
Primo strato di patate

Ungo una teglia con olio di oliva. Distribuisco su tutta la teglia accavallandole le fette di patata; cospargendole con un trito di prezzemolo, capperi dissalati e aglio. Olio poco. Se si vuole usare la carta forno, io primo la bagno, la strizzo, la posiziono sulla teglia e procedo con le patate come sopra.


Sulle patate sistemo i filetti di pesce facendo in modo da evitare spazi vuoti. Salo leggermente e cospargo con un po’ di trito di prezzemolo e aglio e capperi.

Orate sfilettate sulle patate

Faccio un altro strato di patate, cospargo con il trito di prezzemolo, salo e  olio.

Copro la teglia con un foglio di alluminio e ne sigillo lati in modo che le patate possano cuocere con il succo rilasciato dal pesce.

Teglia di orate e patate da infornare

Inforno a 180°, in forno già caldo.
Dopo circa 30 min. tolgo l’alluminio e faccio gratinare le patate.


Alla prossima


Ciao

Nessun commento:

Posta un commento

Feel free to leave a comment!
I would be glad to know your opinion! ;)
Thank you! :)

Grazie per aver visitato il mio blog.
Mi piacerebbe avere una vostra opinione.
Stefania

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...